Madagascar Nosy Be riapre per viaggi internazionali

16 Set 2020

articolo di Linda Hohnholz , editore eTN

madagascar 4287921 1920 1

1 ottobre 2020

Il governo del Madagascar ha annunciato che l’isola di Nosy Be riaprirà per i viaggi internazionali il 1 ° ottobre 2020. L’aeroporto di Fascene a Nosy Be sarà pronto ad accogliere i visitatori internazionali ed eseguire i necessari controlli sanitari e test. Tutti i passeggeri in arrivo sono tenuti a presentare un biglietto aereo di ritorno e non sono autorizzati a viaggiare al di fuori di Nosy Be.
Per l’ingresso è necessario un test COVID-19 negativo (PCR e / o sierologia) e negli aeroporti e in altri porti di ingresso sono in atto procedure di screening sanitario. All’arrivo è previsto un test gratuito in aeroporto. È richiesta una quarantena di 14 giorni.

Per le estensioni gratuite del visto (30 giorni rinnovabili a causa del blocco), i viaggiatori devono recarsi al più vicino Ministero dell’Interno, Ufficio Immigrazione / Emigrazione. Questo vale solo per coloro che sono bloccati in Madagascar a causa della sospensione dei voli e delle restrizioni di viaggio.

I viaggi nazionali all’interno del Madagascar sono ripresi a settembre 2020 con i viaggi internazionali che dovrebbero riprendere quando l’aeroporto internazionale di Ivato ad Antananarivo riaprirà per i visitatori internazionali. Ethiopian Airlines sta attualmente volando nella destinazione.

Il Madagascar continua a essere oggetto di un’emergenza sanitaria. Il numero di nuovi casi giornalieri è sceso dai livelli massimi di luglio ed è rimasto stabile nelle ultime settimane. Le restrizioni di viaggio all’interno del Madagascar si stanno allentando, ma i voli internazionali rimangono sospesi.

I negozi di alimentari sono aperti fino alle 18:00. L’orario di coprifuoco nella capitale è stato ridotto dalle 23:00 alle 4:00. Rimangono vietati i raduni di più di 50 persone. È obbligatorio indossare la maschera in pubblico. Il mancato utilizzo di una maschera in pubblico può comportare l’arresto per 24 ore.

Il trasporto pubblico è in funzione e viene fornito il gel per le mani. I passeggeri, i conducenti e gli assistenti devono tutti indossare maschere. Esistono restrizioni sui viaggi interurbani o interstatali.

Attualmente, ai cittadini statunitensi non è consentito entrare in Madagascar.